IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Jason Scarr il Mar 26 Giu 2012, 11:24

> > > - - - PREFAZIONE - - -

Quella che vi racconto è una storia che ormai da anni ho smesso di raccontare.
La raccontavo per… non so, forse per avere un aiuto, forse perchè quando ti puntano contro una pistola o ti arriva addosso un tir hai bisogno di guardare qualcun altro negli occhi per capire se anche lui sta vedendo tutto ciò che stai vedendo tu.
Non l'ho mai raccontata per farmi bello.

E' una storia lunga, che si svolge negli anni.
E' una storia che coinvolge GDR e H.P.Lovecraft, per cui non lesinerò dettagli, visto che non credo esista posto più giusto di questo per raccontarla.
E' una storia che parla di anche di rune, di spiriti guida e di Grandi Antichi… ma visto che è una storia lunga farò prima un breve riassunto, così avrete modo di capire se la cosa vi interessa e continuare a leggere… oppure mollare qua.

Io ed alcuni miei amici abbiamo organizzato delle specie di cacce al tesoro, qualcosa di simile a dei gdr live con ambientazione horror\esoterica ma privi di tutti quei regolamenti che potevano rallentare i ritmi di gioco.
Durante l'organizzazione di questi eventi ludici ( tre in tutto ) si sono manifestate una serie di coincidenze… sempre più fitte, sempre più "dense", che nell'arco degli anni hanno portato ad una conclusione… quantomeno sconcertante.

Signori… è VERAMENTE una storia lunga, talmente lunga che mi imbarazza profondamente proporvela.
Però, anche se è tutta vera, è un bella storia: potrete non credere ad una parola di quanto segue, ma potreste comunque avere una piacevole lettura.

E dato che è una storia proprio lunga l'ho organizzata in parti, più che altro per aiutare me stesso a fare ordine nel raccontarla.


> > > - - - PRIMA PARTE - La prima Caccia al Tesoro

Nota importante:
a quei tempi di Lovecraft non conoscevo nulla se non il cognome e quello che avevo sentito dire: era uno scrittore di noiose ghost-stories in cui non succedeva niente perchè i mostri non si vedevano mai (ma guarda te la gente…)

Tutto è cominciato nel 1990, doveva essere fine giugno, inizio luglio.
Avevo appena finito il primo anno della scuola di illustrazione dopo la maturità artistica.
Ero al mare, a Civitanova Marche, un paese in cui andavo tutti gli anni a passare le vacanze.
Non ho mai avuto molti amici, non sono mai stato tipo da compagnia numerosa, più il tipo da "pochi ma buoni", ma sta di fatto che io ed i miei pochi ma buoni amici ci annoiavamo.
E quindi una sera ci è venuta un'idea grandiosa: organizzare un gdr live… all'insaputa dei giocatori !
Avremmo invitato i giocatori ad una caccia al tesoro e loro questo si sarebbero aspettato e nulla più… ma in realtà li avremmo catapultati in una trama vera e propria, una storia thriller horror che li avrebbe completamente sbarellati, una storia mirata a non fargli capire più dove finiva il gioco e dove cominciava la realtà.
I giocatori si sarebbero aspettati i soliti biglietti "vai qua", "vai la", "cerca il prossimo biglietto sotto il terzo albero a sinistra", "risolvi questo rebus prima di passare alla tappa successiva" etc… e invece si sarebbero trovati pagine di diari insanguinate, sagome di cadaveri disegnate per terra in case abbandonate e così via.
ERA O NON ERA UN IDEA GRANDIOSA ??
E lo era sul serio: la "caccia al tesoro" alla fine fu un successo incredibile, i giocatori si divertirono da matti (ma mai quanto noi organizzatori !)
Ci inventammo una storia di base, un mistero.
I giocatori si sarebbero divisi in squadre ed ogni squadra avrebbe interpretato un gruppo di professionisti (giornalisti in cerca di scoop, investigatori privati, poliziotti etc…) che avrebbe cercato di risolvere il mistero.
La storia di base che raccontavamo ai giocatori era la seguente:
Marina Grifoni, la figlia di un industriale, è stata rapita il giorno del suo 18esimo compleanno, loro dovevano ritrovarla partendo da alcuni indizi (in funzione del tipo di squadra).
Quello che i giocatori non sapevano, ma che avrebbero avuto modo di scoprire con lo svolgersi degli eventi era che:
nel 1666 (perdonate la banalità… avevamo pochissimo tempo ed eravamo gggiovani) tre streghe vennero bruciate dalla santa inquisizione nel posto in cui poi sarebbe sorta Civitanova.
Le streghe, prima di morire, riescono a lanciare un incantesimo di reincarnazione per reincarnarsi nel 1920 (o '40 … non ricordo).
Nel frattempo la Santa Inquisizione non sparisce, ma diventa segreta organizzandosi nella SSIN (Santa Segreta Inquisizione Nuova).
Gli studiosi della SSIN capiscono che le tre streghe hanno lanciato l'incantesimo e le "aspettano", intercettandole e bruciandole di nuovo.
Questa volta, solo una di loro riesce a lanciare un incantesimo di reincarnazione … e si sarebbe reincarnata in Marina Grifoni.
Il processo di reincarnazione avrebbe impiegato diverso tempo, ma si sarebbe concluso proprio il giorno del suo 18esimo compleanno.
Anche questa volta la SSIN scopre tutto, rapisce lei la ragazza con l'intenzione di giustiziarla a mezzanotte.
Non potete immaginare la soddisfazione do noi organizzatori quando, in una casa abbandonata, in una stanza illuminata a lume di candela, impersonando quelli della SSIN, ci siamo visti arrivare la squadra dei giocatori che impersonava la polizia… tutti armati di bastoni aspettandosi di trovare delinquenti veri !
Durante il gioco i giocatori avevano realmente telefonato a polizia ed ospedali per avere notizie della ragazza scomparsa !
Ce l'avevamo fatta ! eravamo riusciti a terrorizzarli, a farli entrare "nel gioco".
Il tutto organizzato in appena 5 giorni… dormendo 2 ore a notte per 5 giorni.
Alla fine eravamo tutti esausti

Ora però, alcuni dettagli e retroscena.

Innanzitutto era tutto organizzato nella più completa illegalità ! per quanto avessimo scelto come tappe delle location deserte o lontane da case, alcune di queste erano case abbandonate vicino ad altre case abitate… per cui il giorno dopo i vicini di casa, incuriositi dai rumori fatti dai giocatori durante la notte fecero visita alle case abbandonate vicine trovando… un po di tutto: candele spente, simboli rituali dipinti sulle pareti, documenti antichi (antichizzati da noi, scritti a pennino, carta trattata etc…).
Morale della favola il giorno dopo cominciarono ad uscire articoli di giornale che parlavano di misteriose sette sataniche in paese, parroci chiamati dalla gente a benedire case infestate etc…
Noi ci piegavamo in due dal ridere, ma ci siamo anche presi un certo spavento.

Ora arrivo al punto "strano", altrimenti che "racconto strano" sarebbe ?

Durante l'organizzazione della caccia al tesoro capitarono alcuni fatti curiosi che sul momento erano privi di significato, ma in seguito si rivelarono di estrema importanza

- COINCIDENZE
Si manifestarono diverse coincidenze di vario genere.
Niente di che, niente di veramente rilevante tranne la seguente.
Come dicevo la reincarnazione della strega in Marina Grifoni avveniva in maniera graduale e per dare enfasi alla cosa, oltre che accondiscendere alla necessità di produrre indizi da seguire, decidemmo di scrivere due documenti : il diario di Marina (che sarebbe stato letto dai poliziotti) ed i rapporti delle sedute di Marina dallo psicologo da cui era in cura (che sarebbe stato letto dagli investigatori privati… credo)
In questi due documenti, oltre a descrivere, il lento digradare di Marina verso uno stato di malessere apparentemente psicologico, andava descritto un sogno, i dettagli del sogno dovevano portare i giocatori ad una location precisa (una lapide fatta da noi, sopra una cassa da morto sepolta fatta da noi, contenente ossa varie ed un cranio nella cui bocca c'era un messaggio… il tutto nel buio di un bosco fuori mano) in cui avrebbero trovato l'indizio per la tappa successiva.
Io scrissi i referti dello psicologo, un mio amico il diario.
Ci eravamo messi d'accordo su alcuni dettagli che dovevano per forza essere identici per esigenze di trama, il resto poteva essere lasciato alla fantasia di scriveva.
Tuttavia fu veramente sconcertante la quantità di similitudini tra i due documenti, nonostante i dettagli concordati occupassero si e no una pagina ed i documento fossero lunghi almeno 8 pagine l'uno… almeno l'80% delle cose scritte erano identiche… manco qualcuno si fosse messo a dettarle a tutti e due.

- LE RUNE
A quei tempi ero veramente appassionato di rune, le avevo scoperte qualche anno prima leggendo "lo hobbit" e da allora avevo cominciato a studiarle in biblioteca e comprando libri.
Forse la mossa che feci fu determinante (se credete nell'esoterismo) per il susseguirsi degli eventi successivi: decisi di usare le rune nel gioco.
Ci serviva un alfabeto cifrato come elemento ludico, qualcosa con cui scrivere i documenti delle streghe e che i giocatori potevano leggere solo entrando in possesso di un certo numero di rune durante il gioco.
Ma le rune, ai fini del gioco, non erano abbastanza numerose (avevamo deciso di usare il futhark da 16 simboli) per cui decidemmo di inserire nuovi simboli, inventandoli noi.
Le rune, per chi non lo sapesse, sono simboli disegnati prevalentemente con un'astina verticale ed una srie di astine più corte a 45 gradi.
Decidemmo che i simboli aggiunti sarebbero stati diversi: ogni simbolo sarebbe (più o meno) stato un quadrato a cui ogni volta mancavano uno o più lati… vi viene in mente niente, oh divoratori di Necronomicon? (vi ricordo quanto detto all'inizio: ai tempi, di Lovecraft, conoscevo solo il cognome)
Anche qui non successe niente di particolare, sul momento.
Questo fu un seme che "sbocciò" l'anno successivo.

- IL PENTACOLO
Organizzare quell'evento fu comunque frustrante, volevamo fare Hollywood e non avevamo una lira… i materiali per le scene li rubavamo di notte in piccoli cantieri edilizi incustoditi, facendo collette tra di noi, chiedendo un piccola offerta ai giocatori (che si lagnavano pure) o frugando nella cantina della nonna.
Fatto sta che per me la delusione maggiore fu il finale: io volevo una bella stella a cinque punte di almeno 2m di diametro da appendere al muro, qualcosa che colpisse i giocatori alla tappa finale, insomma…
Invece mi dovetti accontentare di dipingere frettolosamente un pentacolo su un lenzuolino, con un pennello secco e della vernice ancora più secca trovati ambedue sul posto.
Anche questo fu un seme che sbocciò l'anno successivo, per cui non dimenticatevi di questo dettaglio.


> > > - - - SECONDA PARTE - Le sedute spiritiche

Prima ancora di cominciare ad interessarmi di rune avevo cominciato ad interessarmi di spiritismo.
Lo spiritismo, a differenza dell'occultismo, lo praticavo eccome… abbondantemente, direi.
Ciononostante avevo smesso, per motivi troppo lunghi da spiegare in questa sede, ripromettendomi che avrei ricominciato al momento più propizio.
A settembre conosco una nuova compagna di corso che, dopo qualche tempo, scopro essere molto incuriosita dai fenomeni medianici anche se non aveva mai fatto pratica.
Era anche completamente ignorante in fatto di esoterismo.
Non sentivo ancora giunto il momento del mio "ritorno sul campo", però mi offrii di farle da guida, di insegnarle le cosiddette "tecniche di base".
La ragazza si dimostrò… a dir poco eccezionalmente dotata ! ed in pochissimo tempo passammo al primo tentativo di scrittura automatica.
Tralasciando vari dettagli tecnici la prima entità che si presenta è, come accade spesso, l'entità guida della ragazza… che però dopo poche battute vuole parlare con me.
mi scrive:
" … attento, puoi risvegliare i dormienti "
io chiedo:
" chi intendi per dormienti ? demoni ? "
risponde:
" no, i demoni odiano, i dormienti invece distruggono semplicemente perchè è nella loro natura farlo "
per cercare di capirci qualcosa di più chiedo i loro nomi ed ho la seguente risposta.
" non posso farti i loro nomi, perchè fare il loro nome significa evocarli "

Un altro seme che sbocciò nella seconda Caccia al Tesoro.
La mia conoscenza di Lovecraft era ancora pari a quella dell'anno precedente: per me H.P.L era sempre, per sentito dire, "uno scrittore di noiose ghost-stories in cui non succedeva niente perchè i mostri non si vedevano mai"
però qualcuno può già notare, forse, delle curiosi similitudini...


> > > - - - TERZA PARTE - La seconda Caccia al Tesoro

Se siete arrivati a leggere fino a qui… COMPLIMENTI !
La vostra pazienza verrà premiata perchè qui le cose cominciano a prendere la piega giusta.

Ritorna l'estate ed è l'estate del '91
Mi ritrovo sempre nello stesso posto (Civitanova Marche) e con gli stessi amici

La prima caccia al tesoro era stata una tale successo che i giocatori chiedevano il bis !
Se nella prima avevamo fatto fatica a tirar su 20 partecipanti con una quota di partecipazione di 3.000 lire, quest'anno avevamo 35 giocatori tutti ben disposti a pagarne 10.000 !
E tutti chiedevano… PIU' PAURA !
Dovevamo battere noi stessi senza poter contare più sull'effetto sorpresa… un'impresa non facile.

Decidemmo di fare il seguito della vecchia caccia per cui ragionammo sul come questa era finita.
La squadra della Polizia era riuscita ad arrivare all'ultima tappa prima della mezzanotte, per cui si supponeva che avessero salvato Marina… e che quindi la strega fosse riuscita a reincarnarsi.
Una delle squadre della prima caccia ricopriva il ruolo dei Maghi Satanici che aveva il compito di salvare la ragazza dalla SSIN in modo tale da avere la strega reincarnata al comando della loro setta.
La squadra dei Maghi non aveva vinto, ma si supponeva che, con la ragazza comunque in salvo, fosse riuscita nell'intento comunque.
E quale sarebbe stata la prima azione di una strega reincarnata che aveva perso le due sorelle… se non tentare di reincarnarle ?
La base di partenza della nuova trama era quindi data… però ci serviva qualcos'altro, un imprevisto che interrompesse la linearità della storia per non renderla troppo simile a quella precedente.
Decidemmo quindi che la strega avrebbe avuto l'occasione di riportare sul nostro piano di esistenza le anime delle due sorelle un giorno x, un giorno in cui per particolari condizioni astrologiche (o altro…) le forze che separavano la dimensione dei vivi dalle altre si assottigliavano ed indebolivano.
Un momento buono per spezzare queste forze ed aprire un varco.
Quello che però la strega non sapeva era che un'altra entità, probabilmente un demone, aspettava lo stesso momento e che avrebbe approfittato del varco che la strega avrebbe aperto per entrare lui stesso sul nostro piano.
Il compito dei giocatori sarebbe stato quello di venire a conoscenza del piano della strega, ma anche dell'esistenza e del piano dell'entità… e fermare la strega prima che compisse il rituale.
Ma per sorprendere veramente i giocatori, per farli di nuovo dubitare di se stessi doveva succedere qualcosa veramente fuori da ogni schema.
Così decidemmo di inscenare la nostra stessa morte… la morte degli organizzatori stessi !
E visto che il budget era aumentato considerevolmente (cioè … era sempre una miseria, per fare le cose per bene… ma rispetto a quello precedente era proprio Hollywwodiano) doveva essere spettacolare.

Era il 21 luglio quando, dopo una rapida indagine tra i partecipanti riguardo la loro disponibilità, decretammo che il giorno della caccia sarebbe stato l'1 agosto.
Avevamo 10 giorni per preparare piste di gioco, tappe, cercare una ventina di locations tra case abbandonate e campi fuori mano, scrivere decine di documenti antichi e moderni basati su informazioni il più possibile realistiche e costruire props varie.
10 giorni erano… pochissimi ! e ci mettemmo subito all'opera.
Decidemmo che ci serviva una ghigliottina (doveva essere spettacolare ? sarebbe stata spettacolare !) e che ci serviva un riferimento già pronto per quanto riguardava nomi di demoni e loro caratteristiche in quanto non c'era abbastanza tempo per inventare niente.
Qualcuno suggerì… il manuale del gdr de "il richiamo di Cthulhu"
"oh… com'è che si chiama quel gdr ? si dai, quello horror di indagine con i demoni … " andò pressapoco così: con la più soave e beata innocenza.
Detto e fatto, andammo a comprarlo e lo sfogliammo andando direttamente alla sezione "mostri" per scegliere il nome che ci piaceva di più, basandoci semplicemente su come ci suonava nelle orecchie.
La scelta cadde subito su Yog Sothoth… perchè suonava bene.

La notte andammo per cantieri e discariche alla ricerca di assi per costruire la ghigliottina, il pomeriggio avevamo fatto il progetto e sapevamo già cosa ci serviva.
Eravamo in una grande discarica abusiva e solo alcuni di noi erano armati di torce elettriche, quando qualcuno vide stagliarsi, nera contro il cielo e piantata in verticale, un'asse abbastanza alta per fare uno dei lati della ghigliottina.
Avvicinandoci ne vedemmo un'altra vicina, parallela e della stessa altezza.
Quando chiedemmo di puntare li la luce ci venne un colpo.
Era una ghigliottina già pronta…
La lama di metallo (non tagliente), il buco per la testa… e le scritte, in alto, Libertè, Egualitè, Fraternitè.
Era alta appena 2 metri, doveva essere una versione teatrale, qualcosa buttata via da qualche teatro, non so… proprio non so che diavolo ci faceva li una maledetta ghigliottina già pronta !
Sul momento, tra le risate di tutti, non potevamo che benedire la fortuna che ci stava capitando.
La caricammo sul tetto della macchina e la portammo via nascondendola nel garage di uno degli organizzatori.
10 giorni erano pochissimi, ma la fortuna sembrava dalla nostra !
Quella notte spendemmo altro tempo tirando fuori idee e leggiucchiando il manuale di CoC in cui, scoprimmo, era menzionato diverse volte un tale Necronomicon… decidemmo che il giorno dopo avremmo dovuto cercarlo e comprarlo.
Così fu: il giorno dopo il Necronomicon era nelle nostre mani (HAHAHAHAHA … quello della Fanucci, ovviamente !)
Con quel libro tra le mani scoprimmo una veramente curiosa somiglianza tra il Nug Soth, l'alfabeto usato per le evocazioni dei Grandi Antichi ed i simboli che avevamo inventato da aggiungere alle rune della prima caccia (ricordate i "semi" di cui parlavo ? quelli che sarebbero sbocciati l'anno successivo ? questo è il primo).
Il lavoro di organizzazione continuava febbrile, giorno e notte, tra viaggi alla scoperta di locations e studio delle tracce per le piste delle varie squadre, ma nel frattempo continuavamo a buttare un occhio qua e la al manuale di CoC ed al Necronomicon
Così scoprii anche delle similitudini tra i Dormienti di quella seduta spiritica ed i Grandi Antichi: un altro seme che sbocciava.
Giorno dopo giorno la struttura del gioco cominciava a concretizzarsi e noi cominciavamo ad accusare i primi segni di stanchezza (per 10 giorni dormimmo una media di 3 ore a notte), ma niente sembrava fermarci.
Non eravamo semplicemente affiatati… c'era un'energia veramente forte tra noi che ci rendeva quasi instancabili, potevamo cominciare a perdere di lucidità, ovviamente, ma l'obbiettivo da raggiungere era una motivazione talmente forte da farci rimanere in piedi nonostante tutto.
Dopo 2 o 3 giorni scoprimmo che Yog Sothoth non era semplicemente uno dei Grandi Antichi, era il primo… quello chiamato "la porta".
Perchè non avevamo scelto Azathoth ? perche non Nyarlathotep o Shub Niggurath ? perchè non lo stesso Cthulhu o uno qualsiasi degli altri nomi a caso ?
Ci stavamo accorgendo che una serie di cose si stavano allineando in una maniera… strana.
Strana ! Esiste un altro termine ? inquietante forse ? preoccupante ? ma preoccuparsi di cosa ? l'unica cosa che ci preoccupava veramente era che c'era una data di scadenza e per quel giorno dovevamo riuscire a preparare tutto, per quel giorno tutto doveva essere perfetto e grandioso.
Ogni alternativa era semplicemente fuori discussione e fuori dalla volontà di tutti (eravamo in quattro).
Verso cosa stavamo andando incontro l'avremmo capito nei pochi giorni successivi.
Una notte eravamo in cerca di locations; ci serviva un'altra casa abbandonata.
Ne trovammo una che sembrava perfetta: fuori mano, senza più la maggior parte dei battenti alle finestre e non troppo decadente da essere pericolante.
Uscimmo dalla macchina per andare a controllare e nella soffitta, tra mille ombre di cianfrusaglie, scatoloni marci, tubi e comodini divorati dai tarli, vidi qualcosa che quando tornai in macchina fece scoppiare a tutti, ma specialmente a me, una crisi isterica.
In quella soffitta vidi una stella a cinque punte, in legno, di almeno 2 metri di diametro.
Non vi dice niente ? andate a riguardarvi quanto scritto nell'ultima parte della prima Caccia al Tesoro.
L'ennesimo seme che sbocciava.
Ormai non mi sentivo più padrone di quanto stava succedendo, sembrava di camminare su un sentiero già pronto, tracciato da qualcun'altro.
Questa era ormai più che una netta sensazione: stava diventando una certezza.
Ma il colpo di grazia arrivò quando scoprimmo in quale giorno avrebbe dovuto essere evocato Yog Sothoth.
Sempre per mancanza di tempo avevamo deciso di raccogliere a piene mani i dati del Necronomicon e cercammo, per quello che ci era possibile, di clonare il rito di evocazione per intero, ricostruendo gli stessi elementi a partire dalle pietre con tanto di incisioni.
Così, leggendo sempre più nel dettaglio, ci capitò sotto gli occhi questo passo.
" … il potente Yog-Sothoth risponde agli incantesimi quando Sol si trova nella fiammeggiante Casa del Leone durante il Giorno del Raccolto … il primo giorno dell'ottavo mese … "
Era la ciliegina sulla torta: il potente Yog Sothoth andava evocato nientepopodimeno che il giorno stesso in cui si sarebbe svolta la Caccia.
Tutto, ma proprio tutto conduceva li, a quel giorno.
Con quell'ultima scoperta tutte le "coincidenze si erano allineate" come in binari di una ferrovia.
E la conclusione, la somma di tutti queste coincidenze, pur stando di fronte ai nostri occhi era semplicemente troppo assurda.
Era come rifiutarsi di accettare che 2 + 2 faceva 4.
Era come rendersi conto che mentre noi organizzavamo le tappe di una Caccia al Tesoro per 30 giocatori, qualcun altro aveva già organizzato delle tappe per noi.
Doveva essere il 26 Luglio, ormai, quando successe un imprevisto: il fratello di uno degli organizzatori era in una squadra ed aveva spiato il nostro materiale.
Non avevamo altra scelta che squalificare l'intera squadra e così facemmo, il problema era che il motivo per cui avevamo scelto quella data, l'1 di Agosto, era perchè alcuni membri di quella squadra erano in vacanza e non sarebbero tornati prima del 30.
Altre squadre premevano perchè la caccia venisse anticipata, dato che questo avrebbe facilitato la partenza per le loro vacanze.
La caccia non era ancora pronta, ma era comunque (grazie ad una serie di "gratuite facilitazioni") a buon punto e, facendo quattro calcoli, avremmo potuto farcela anche anticipando.
Visto lo svilupparsi degli eventi anticipammo con qualche incertezza, ma molto, molto volentieri
Le coincidenze accumulatesi erano davvero troppe e volevamo provare ad interrompere la sequenza, a ritracciare il sentiero con le nostre mani.
La caccia venne anticipata al 29 luglio.
E fu un vero disastro.
Dal momento in cui avevamo ufficializzato la nuova data ce ne capitarono di tutti i colori.
Due degli organizzatori si ritrovarono con i freni rotti dell'unica macchina a disposizione del gruppo, freni rotti in una lunga discesa di campagna… si schiantarono contro un albero rompendo il semiasse.
Ne uscirono "illesi", ma senza la macchina si complicava tutto: come avremmo cercato le ultime locations ? come avremmo fatto a recuperare in velocità gli ultimi materiali di scena ? tutti i tempi si allungavano di brutto.
Chi aveva dato la propria disponibilità nell'aiuto della produzione o del recupero di materiali scenici ce la negò improvvisamente o si fece uccel di bosco.
il 28 luglio era chiaro che non saremmo mai potuti riuscire a "consegnare" in tempo, la caccia si sarebbe svolta 2 giorni dopo e c'era ancora una marea di cose da fare.
Fummo tentati di mandare a monte tutto, ma ormai i "clienti" avevano pagato il biglietto e questa volta ci saremmo trovati a restituire una somma che ormai non avevamo più in quanto era già stata spesa quasi tutta.
Eravamo in trappola, senza alternative se non quella di tornare al progetto originale: la Caccia al Tesoro si sarebbe svolta l'1 Agosto.

La caccia ebbe luogo.
Scopo dei giocatori sarebbe stato quello di arrivare all'ultima tappa entro mezzanotte per fermare Marina ed impedirle di aprire il varco che avrebbe permesso a Yog Sothoth di entrare in questo piano di esistenza.
I giocatori arrivarono all'ultima tappa alle 3 di notte… e chi vuole capire capisca.

Nessuno, quindi, vinse realmente, ma decidemmo di premiare la squadra che era arrivata per prima anche se non era arrivata in tempo.
Potremmo dire, in realtà, che l'unico a vincere fu il vero organizzatore di tutto, quello che stava di nascosto a manovrare le fila dall'altra parte…

Per quanto fossimo stati attenti a scegliere le location non avevamo fatto caso che quella meglio arredata (quella in cui mettemmo la famosa ghigliottina) era in realtà usata di tanto di tanto in tanto da un contadino ed era proprietà dell'ex sindaco del paese.
Risultato ? il mattino dopo la Caccia il contadino entrò nella baracca per fare i suoi bisogni… e si trovò ghigliottina, candele, pentacoli, sangue finto etc…
Risultato ? il giorno dopo c'erano articoli su 3 giornali locali diversi che parlavano del ritorno di sette sataniche e che svariate forze dell'ordine erano sulle nostre tracce.

Io tornai a casa mia, al nord, il giorno dopo.
Ero veramente scosso ed era assurdo raccontare l'accaduto a qualcuno.
Avevo un totale bisogno di resettarmi, di lasciare tutto alle spalle.
Feci auto-psicanalisi chiudendomi in camera mia al buio per 2 settimane e giocando 12 ore al giorno a Dungeon Master su Amiga 2000.


> > > - - - QUARTA PARTE - Durante il Servizio Civile - - - < < <

L'anno successivo la scuola di illustrazione che frequentavo ebbe dei problemi con la regione riguardo le certificazioni ed il risultato fu che la maggioranza degli studenti maschi dovette partire per il servizio militare (non erano stati concessi i permessi per il rinvio).
Io partii per quello civile ed andai a finire in Brianza, in una casa di riposo ricavata da un convento del 1100.
Gli alloggi degli obbiettori erano stati ricavati nell'ala più antica del convento… e quello fu uno dei periodi più belli della mia vita.

Quello che era successo nell'estate precedente era rimasto profondamente radicato in me.
Non credo che fossimo stato fautori di niente. Non credo in alcun modo che avessimo evocato Yog Sothoth.
Credo piuttosto che fossimo vittime di qualcosa, testimoni di qualcosa che stava in realtà succedendo da qualche altra parte… come quando ascolti la radio e capti dei messaggi.
Nell'anno successivo fui ossessionato dallo scoprire il più possibile sull'argomento, mancando allora internet, passavo più tempo possibile nelle biblioteche facendo ricerche sulle tavolette accadiche, sui miti più antichi, sull'astrologia e quant'altro.
Poi arrivò il servizio civile e tutto subì un forte rallentamento, ma non si fermò.
Era l'estate del '92, non ricordo esattamente il giorno, ma era più o meno l'8 Agosto ed io mi ritrovavo, per una serie di casualità, da solo, di sabato nella palestra riabilitativa della casa di riposo: avrei dovuto aiutare i fisioterapisti a portare avanti e indietro gli anziani dalle loro camere alla palestra e viceversa.
Non so come mai, probabilmente avevo capito male… fatto sta che aspetta e aspetta e non arrivava nessuno.
Io avevo con me il Necronomicon (sempre quello della Fanucci eh!) e continuavo a leggerlo cercando ogni volta di carpire qualcosa che mi era sfuggito.
Ad un certo punto, nel silenzio della palestra, entra la donna delle pulizie e comincia a fare il suo lavoro.
Ci scambiamo un saluto formale.
Io ricomincio la mia lettura e lei continua a passare la scopa la, lo straccio qua.
Dopo un po' attacca bottone "che ci fai qua ?", "cosa leggi ?"
Do delle risposte evasive, non a tutti puoi dire che stai leggendo un libro come il Necronomicon.
Ma lei si avvicina, vede il libro, vede la pagina aperta sulla famosa stella a cinque punte con l'occhio dalla pupilla fiammeggiante… e mi dice:
" ma questo simbolo io l'ho già visto ! "
Dovevo assolutamente saperne di più e quindi intavoliamo una discussione che si fa in pochi minuti estremamente assidua, come se ci fosse una confidenza formata da tempo.
La tizia mi racconta la seguente storia.
Abitava nel paese vicino in una casa antica (doveva essere un vecchio convento del 1600 o 1700 trasformato successivamente in appartamenti del comune… credo).
Le capitavano cose strane: cominciava col sentirsi debole, così debole da non riuscire a reggersi in piedi, di conseguenza andava a letto e li si accasciava in uno stato di torpore così profondo da non riuscire a non muovere un muscolo neanche a volerlo, ma rimanendo sveglia.
Dopodichè le sembrava di levitare, si ritrovava attaccata al soffitto e vedeva se stessa ancora sdraiata a letto.
Lei non lo sapeva, ma la descrizione che mi stava facendo era identica a tante altre che descrivevano l'inizio di un viaggio astrale.
L'ultimo "sogno" però era stato diverso…
Era stato più o meno una settimana prima (quindi… più o meno l'1 agosto dell'anno successivo alla II Caccia al Tesoro !?!)
Tutto era cominciato come al solito, ma invece di trovarsi attaccata al soffitto rimaneva bloccata a letto a fissare il muro davanti a se.
Dopodichè vide comparire degli artigli graffiare il muro, artigliarlo, strapparlo più volte come se dovesse strappare dei veli.
Gli artigli strappano diversi veli (non ricordava quanti fossero, ma erano più di 4 e meno di Cool fino a mostrare qualcosa inciso nella pietra: il simbolo che aveva visto sulla pagina aperta del mio Necronomicon… con un solo dettaglio differente.
La stella era rovesciata.

Non sono un vero e proprio esperto di esoterismo, ma alcune cose le ho imparate perchè lette su più libri.
Le teorie sono tantissime ed io qui la faccio veramente breve, ne cito una delle tante.
La stella a cinque punte, o pentacolo, viene usato come una sorta di chiave.
Vale a dire che il mago fa il suo cerchio magico e poi ci si chiude dentro lasciando un passaggio aperto che poi chiude con questi pentacoli.
Stella a cinque punte rivolta in alto ? porta chiusa.
Stella a cinque punte rivolta in basso ? … porta aperta.
A voi le dovute conclusioni.


> > > - - - QUINTA PARTE - La terza Caccia al Tesoro

La seconda Caccia al Tesoro fu comunque un altro successo clamoroso ed i giocatori ne chiedevano una terza.
Non ricordo bene quando la facemmo, forse 2 anni dopo per lasciare che le acque si calmassero un attimino.
Per motivi che non starò a spiegare (la sto facendo veramente troppo lunga) questa volta ero veramente intenzionato a sfruttare questa Caccia e non a farmi sfruttare.
L'intenzione era quella di ricreare le stesse condizioni della precedente per avere altri segni.
Se nella seconda Caccia Yog Sothoth era riuscito a passare, adesso sarebbe stato il turno di Shub Niggurath.
Noi organizzatori potevamo determinare degli eventi, un plot… ma le incognite, le variabili, ciò che non potevamo determinare, erano i giocatori.
In fine dei conti erano stati loro a determinare che Marina si salvasse nella prima Caccia dandoci modo di organizzare la trama della seconda di conseguenza.
Sempre i giocatori, nella II Caccia, ci avevano mostrato che Yog Sothoth era riuscito a passare.
In questa Caccia, la III, avremmo costruito una trama atta a mostrarci cosa sarebbe successo con il ritorno di Shub Niggurath.
Questa volta però fu un vero e proprio caos ingestibile.
I giocatori erano diventati 50, molti di loro non li conoscevamo neanche di vista e questo, in "giochi" del genere è un fattore importante in quanto se il giocatore non è affidabile, non è tagliato per questo genere di cose, può combinare disastri notevoli.
Infatti alcuni di loro bararono brutalmente nascondendo volutamente indizi destinati ad altre squadre.
Inoltre per gestire così tante persone facemmo entrare nell'organizzazione altre persone che, seppur tagliate per l'aspetto ludico, non lo erano per l'aspetto horror/thriller/Lovecraftiano.
Il gioco andò fuori controllo.
Fu il caos, appunto.
Qualcuno vinse, ma non ricordo più come andò esattamente.


… Fine …

> > > - - - CONSIDERAZIONI FINALI - - - < < <

Ormai sono anni che ho mollato il colpo, però sta cosa ce l'ho sempre in testa, un chiodo fisso che si assottiglia sempre di più ma che rimane li incastrato.

Negli anni successivi ho continuato, sempre meno, a fare ricerche, a cercare collaboratori per continuare il discorso… una serie di buchi nell'acqua.
l'unico segno che ho trovato è quello dell'isola di plastica che mi ricorda quella di Dagon.
Provate a digitare su un motore di ricerca qualsiasi "isola di plastica" e vi farete un'idea.

Ho raccontato questa storia altre volte e le reazioni sono pressochè state sempre le stesse: monosillabi che esprimevano perplessità o imbarazzo.
Lo capisco molto bene… però vi chiedo di evitare risposte simili, circostanziali… sinceramente mi hanno stancato.
Poi, ovviamente, questo è un forum ed ognuno fa quello che vuole: ho scelto liberamente di espormi e mi prendo tutte le responsabilità del caso.
Prendetemi in giro e mi farò quattro risate con voi senza alcun problema: ormai è acqua passata.

Ho raccontato questa storia altre volte e se vi sembra che l'abbia troppo romanzata aggiungendo troppa enfasi è perchè:
- dato che è lunga, non volevo fosse anche noiosa.
- in fondo ce l'ho ancora nel cuore, nella mente e nelle budella e non posso fare a meno di emozionarmi ancora quando la rivivo

Ho omesso una quantità notevole di dettagli anche importanti, ma non determinanti ai fini della storia.
D'altronde esistono apposta i reply e questi dettagli possono saltare fuori durante le eventuali discussioni che potrebbero seguire.

Alcuni dettagli veramente macabri, invece, li ho omessi perchè sono azioni di cui non vado assolutamente fiero e che potrei confessare solo con persone con cui entrerei in una confidenza tale da darmi la sicurezza di non essere frainteso
avatar
Jason Scarr
Ficcanaso

Messaggi : 112
Data d'iscrizione : 24.06.12
Età : 47
Località : Besana Brianza

Vedi il profilo dell'utente http://www.virturbia.com/marcocorrieri.htm

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  torakfade il Mar 26 Giu 2012, 21:46

Sinceramente, se anche non fosse vera, è una bellissima storia. Fra l'altro, non c'è molto che possa farla passare per non vera, le coincidenze sono sufficientemente "sottili" da non sembrare esagerate; l'unica cosa è che se veramente aveste evocato Yog-Sothoth saremmo tutti fritti Cthulhu

Non so proprio che pensare, dato che io mi interesso al soprannaturale come hobby per rimpicciolire i brutti pensieri quotidiani, affogandoli nei Miti e negli Orrori ben superiori al dover pagare una rata o perdere le chiavi di casa... seriamente parlando, non li ho mai pensati come cose "reali", cose che possono accadere. Forse dovrò ripensarci ... Shocked

Ora, la domanda che penso tutti si stiano facendo ... organizzare una caccia al tesoro del genere, con tanto di sangue, pentacoli e teschi in giro per case abbandonate ... non è una follia? Nel senso che se vi beccavano, passavate guai belli grossi mi sa eee?
avatar
torakfade
Portinaio

Messaggi : 319
Data d'iscrizione : 14.06.12
Età : 33
Località : Chieti

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Jason Scarr il Mar 26 Giu 2012, 22:33

Hai detto la parola chiave: "follia"

Era la follia di 3 ragazzi di età compresa tra i 18 ed i 20 anni e di una 20ina di giocatori sui 16 anni che aveva reso realizzabile la prima Caccia, quel filo ( … cordone ? … catena da ancora di una petroliera ?) di irresponsabilità tipiche di quell'età.

D'altronde nei primi anni '90 se ti capitava di raccontare ad un amico una sessione di un qualsiasi gdr la gente prima si voltava, poi cominciava a guardarti strano… infine cominciava a prendere le distanze.
Esattamente come se avessero a fianco un folle.
Potremmo dire che già allora giocare ai gdr era da "folli"

Se avessi la possibilità di organizzare un live nella completa legalità rifarei le stesse cose, ricostruirei le stesse scenografie e metterei lo stesso impegno nel ricostruire gli stessi documenti… fermo restando che quando hai a che fare con la legge arrivano forti limitazioni di locations e tutto il resto.

Se ci avessero beccato avremmo passato dei guai grossissimi !
Quando leggemmo sui giornali gli articoli della seconda caccia, con le foto della ghigliottina in primo piano… non era Yog Sothoth a farci paura, ma polizia e carabinieri.

Riuscimmo a farla franca solo perchè a Civitanova si conoscevano un po' tutti e pare qualcuno andò a dire a chi di dovere che era tutto un gioco, per cui le indagini credo che cessarono quasi subito.
Forse fu anche per questo che la terza non funzionò come le altre: eravamo tutti molto più "piatti".

Per quanto riguarda l'evocazione in se… come ho già scritto sono abbastanza convinto (però è una convinzione basata su delle forti sensazioni) che noi non abbiamo fatto niente.
Cioè, qualcosa abbiamo sicuramente fatto, ma poi, a mente più fredda, ho tratto la conclusione che noi siamo stati testimoni di qualcosa, più che aver preso parte attiva.

MA ERA PROPRIO STA COSA A MANDARMI A MALE !!!
"renderci" testimoni di sta cosa… perchè ?!?!

partendo da presupposto che non fossero solo una lunga e fortuita serie di coincidenze, ma che fossimo in qualche modo … "guidati" … perchè ??
Perchè ci vuoi renderci testimoni di questo evento ? che vuoi ? che te ne viene ?

AAAAAHH !!!
c'è proprio da diventare pazzi
avatar
Jason Scarr
Ficcanaso

Messaggi : 112
Data d'iscrizione : 24.06.12
Età : 47
Località : Besana Brianza

Vedi il profilo dell'utente http://www.virturbia.com/marcocorrieri.htm

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Mar 26 Giu 2012, 23:03

Una storia è una storia, non importa la sua veridicità. Tu che la racconti con questa sensazione soggettiva sei senza dubbio coinvolto e senza dubbio coinvolgi.
Sto dicendo che è stata una storia stupenda.

Io mi annovero fra i cattivissimi materialisti che non credono in nulla se non nei miei piedi e nelle mie mani asd
Ho letto tutto quello che si può leggere di Magia ed Esoterismo e ho partecipato a sedute di spiritismo, anche come medium, ma tuttora sono restio a credere al cosiddetto "Paranormale". Sono una persona con una mente scientifica, e tendo a razionalizzare tutto, forse rovinando questi bellissimi passaggi che invece risplendono nella tua narrazione.

Ancora complimenti.

PS: Una ghigliottina intera e un pentacolo come lo volevi!!! ma per un attimo non hai pensato: CHE CULO! mr green

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Jason Scarr il Mer 27 Giu 2012, 09:04

AHAHAHAHAHAHAH !!!
se ho pensato " CHE CULO " quando ci siam trovati di fronte la ghigliottina !?!?!
... ho pensato " CHE STRATOSFERICAMENTE POTENTE CULO " !!! ed ho continuato a pensarlo per almeno 2 giorni !!

se ho pensato " CHE CULO " quando mi sono trovato di fronte il pentacolo ?
... no ... li era già "troppo tardi"
avatar
Jason Scarr
Ficcanaso

Messaggi : 112
Data d'iscrizione : 24.06.12
Età : 47
Località : Besana Brianza

Vedi il profilo dell'utente http://www.virturbia.com/marcocorrieri.htm

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Mer 27 Giu 2012, 09:37

Smetti di cadere nei labirinti della tua mente asd
Vivi tranquillo!
cheers
Spoiler:

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Jason Scarr il Mer 27 Giu 2012, 21:57

ehehehe !!

troppe XXXXX mentali dici, eh ?
come a dire "pensa alla salute e fatte na ragazza che campi meglio"

lol lol lol

ma si, ma si ... hai straragione e guarda che è così veramente !

voglio dire... son passati 20 anni !
ormai temo mostri peggiori già da tempo

io proprio non so dove se ne stiano Cthulhu, Yoghi & c. (ma qualche sospettuccio forse l'avrei) però non sono qui con me.
Qui con me c'ho ... vediamo un po' ...

- clienti che non pagano
- un figlio che proprio non vuole saperne di mettere la testa a posto
- un portafoglio che è sempre mezzo vuoto
- un direttore di banca che mi chiama ogni 3 mesi per dirmi "guardi che qua non va niente bene ..."

da brivido, insomma
avatar
Jason Scarr
Ficcanaso

Messaggi : 112
Data d'iscrizione : 24.06.12
Età : 47
Località : Besana Brianza

Vedi il profilo dell'utente http://www.virturbia.com/marcocorrieri.htm

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Gio 28 Giu 2012, 00:06

Sai quanto è meglio Cthulhu! asd

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  makahd79 il Dom 28 Ott 2012, 09:16

Ho letto la tua storia,e io ci credo,ovvio non in yog oppure cthulhu,ma da fervente cattolico,credo nell' esistenza del male(purtroppo) e magari quella che hai raccontato è una dei mille modi di evocare qualche demonio.....(magari ti sei avvicinato con una grande botta di c..o)
Quello che mi attira di più è che lovecraft non era uno scrittore di pura fantasia...mi spiego meglio Cthulhu e dagon esistono nella religione mesopotamica(mi sembra) il necronommicon.per me non è una invenzione cosi come i tomi di magia nera ed evocazione (bisognerebbe spulciare l'archivio del Vaticano Smile )
gli alieni...beh! addirittura la chiesa spiegò che non c'era motivo di credere che eravamo soli.Gesù nella sua onnipotenza ha creato l'uomo sulla terra,la bibbia è un libro della terra,ma altrove....?
Infine Hp era una persona piuttosto sensibile e si sa,persone sensibili sono piu capaci di captare qualcosa.....(il sogno di nyarlatatotep?)
Lo so prendetemi in giro,ma io a Angeli,demoni,fantasmi,alieni credo!troppi misteri nella storia della terra... Smile

Bisogna vedere quanto Hp ha "romanzato"....( SE NON SBAGLIO lui era un massone..)

makahd79
Avventore

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 28.05.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Dom 28 Ott 2012, 11:36

Da fervente Ateo rischierei di prenderti più in giro per la storia di Gesù che quella di Yog Sothoth mr green

La fantasia di Lovecraft si esplica solo in una dimensione onirica.
La sua creazione se ci fai caso non è cosciente, ma filtrata attraverso i suoi sogni.
Se, come dici tu, egli
non era uno scrittore di pura fantasia
ti do ragione e ti dico anche grazie al Cthulhu !
Quello che rielabora uno scrittore di pura fiction è qualcosa che pur sempre fa riferimento al Reale. Ed è per questo che piace, perchè il lettore ci trova i riferimenti che ci vuol trovare.

Nel caso del resoconto del nostro Jason, l'arte dalla molteplice lettura di Lovecraft è risultata addirittura spaventevole!
Missione compiuta direi... asd

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  makahd79 il Dom 28 Ott 2012, 16:21

ShuddeM'ell ha scritto:Da fervente Ateo rischierei di prenderti più in giro per la storia di Gesù che quella di Yog Sothoth mr green

La fantasia di Lovecraft si esplica solo in una dimensione onirica.
La sua creazione se ci fai caso non è cosciente, ma filtrata attraverso i suoi sogni.
Se, come dici tu, egli
non era uno scrittore di pura fantasia
ti do ragione e ti dico anche grazie al Cthulhu !
Quello che rielabora uno scrittore di pura fiction è qualcosa che pur sempre fa riferimento al Reale. Ed è per questo che piace, perchè il lettore ci trova i riferimenti che ci vuol trovare.

Nel caso del resoconto del nostro Jason, l'arte dalla molteplice lettura di Lovecraft è risultata addirittura spaventevole!
Missione compiuta direi... asd
Beh H.P ha compiuto mezzo miracolo,un ateo fervente ed un cattolico credente,insieme appassionati dei suoi racconti.Per quanto riguarda il racconto di jason,mi ha colpito la dichiarzione della donna delle pulizie,anche perchè anche io sapevo il fatto della stella rovesciata....

makahd79
Avventore

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 28.05.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Dom 28 Ott 2012, 23:23

E' il miracolo dell'Arte.
Come si suole dire nel Karate: "L'Arte la fa l'Uomo"

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  makahd79 il Lun 29 Ott 2012, 07:49

ShuddeM'ell ha scritto:E' il miracolo dell'Arte.
Come si suole dire nel Karate: "L'Arte la fa l'Uomo"

gia...il Figlio dell'uomo... asd asd

makahd79
Avventore

Messaggi : 31
Data d'iscrizione : 28.05.12

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  ShuddeM'ell il Lun 29 Ott 2012, 22:12

mr green
non finiremo mai makahd esd

_________________
avatar
ShuddeM'ell
Occultista

Messaggi : 698
Data d'iscrizione : 27.05.12
Età : 31
Località : 47°9′S 126°43′W

Vedi il profilo dell'utente http://mikelangston.bandcamp.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Jason Scarr il Mar 06 Nov 2012, 12:48

vero, makahd79 ... ci sono delle influenze mesopotamiche.
Uno dei tentativi che avevo fatto per "triangolare" le informazioni e venire a capo della faccenda era fare delle ricerche ulteriori.
Non potevo rifarmi solo alla letteratura di HPL, le info disponibile erano comunque troppo scarne ...
Non ricordo bene dove l'avevo letto ma mi era sembrato di capire che HPL stesso citasse le tavolette Accadiche, uno dei documenti più antichi rinvenuti.
Se il Necronomicon poteva essere di dubbia provenienza (inventato da HPL ? ispirato ad HPL da ... qualcun'altro ?) le tavolette Accadiche avevano invece una provenienza dal mondo reale.
Scoprii che le tavolette Accadiche erano chiamate tali perchè fatte dagli Akkadi, un'antica popolazione mesopotamica (Akkad, Saburtu, Elam ... tutte tribù del posto).
Tentai, quindi, di trovare delle correlazioni tra i miti di HPL e quelli antichi mesopotamici ... le ricerche portarono a dei risultati interessanti, tipo che ambedue i miti presentavano delle analogie con alcune stelle e costellazioni ... ma è passato un sacco di tempo ed ora non ricordo più niente ... purtroppo
avatar
Jason Scarr
Ficcanaso

Messaggi : 112
Data d'iscrizione : 24.06.12
Età : 47
Località : Besana Brianza

Vedi il profilo dell'utente http://www.virturbia.com/marcocorrieri.htm

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL RITORNO DI YOG SOTHOTH

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum